I Viaggi di Ms Grape: la DOCG più piccola della Toscana

Cover Ms Grape Carmignano

I Viaggi di Ms Grape: la DOCG più piccola della Toscana

Un piccolo territorio in provincia di Prato che sorge tra le principali città toscane con un microclima molto particolare che dà vita a un vino di grande eleganza. Oggi Ms Grape ci porta alla scoperta di Carmignano e della sua DOCG.

Domandona da un milione di euro: qual è la DOCG più piccola della Toscana?

La risposta non è del tutto scontata!

Avete risposto? Ebbene, la DOCG più piccola della nostra regione è il “Carmignano” un gioiellino che sorge proprio lì, in mezzo alle più importanti città toscane che hanno avuto la fortuna di godere dei lasciti artistico-culturali del Rinascimento.

Sono stata proprio per voi in questo territorio poche settimane fa e ne sono rimasta assolutamente affascinata. Il perché è facile da capire e ve lo spiego qui sotto.

Pur essendo in piena campagna, da Carmignano si possono raggiungere in breve tempo Firenze, Pistoia, Siena e Lucca.

Il borgo di Carmignano è un vero e proprio gioiellino da scoprire e, tanto che sei in zona, meritano assolutamente di essere viste la Villa Medicea di Poggio a Caiano e La villa Medicea La Ferdinanda conosciuta anche come Villa dei Cento Camini entrata a far parte del Patrimonio Unesco nel 2013.

Nella chiesa di Carmignano è inoltre possibile ammirare la Visitazione del Pontormo e molto interessante è anche il Museo Etrusco di Artimino dove si trovano testimonianze di come il vino venisse qui prodotto fin dall’antichità. Infatti a Carmignano si produceva vino fin dall’epoca etrusca e romana.

Questa zona ha un microclima particolarissimo dato l’altitudine non troppo elevata, circa 200 metri s.l.m. e dalla vicinanza all’alto Appennino Tosco-Emiliano: in estate le giornate possono essere anche molto calde, ma sono seguite solitamente da notti rinfrescate dai venti che scendono dall’Appennino appunto.

Il vino più rappresentativo di questa zona è il Carmignano DOCG. Il blend nell’uvaggio prevede la presenza obbligatoria del Cabernet (Sauvignon o Franc, da un minimo del 10% a un massimo del 20) insieme al Sangiovese; il Cabernet è per noi ormai un vitigno autoctono dato che è stato portato qui dalla Francia dai Medici che avevano nel nostro territorio le loro residenze estive e la loro riserva di caccia.

A questo vino caratterizzato da una grande eleganza si affianca il suo fratello giovane, il Barco Reale di Carmignano DOC, vino fresco e fruttato e poi il Rosato di Carmignano, Vin Santo di Carmignano e Vin Santo di Carmignano Occhio di Pernice DOC.

Ad oggi i produttori del Carmignano DOCG sono 12 ed è importante dire che la metà delle aziende sono a conduzione biologica.

Un giro fra le cantine della zona è d’obbligo, prenotare la visita è facile, basta andare sul sito www.mtvtoscana.com alla sezione “Cantine” e scegliere Carmignano come zona di produzione. Poi basta entrare nella scheda di ciascuna cantina e contattarla direttamente con la prenotazione da web.

Spero di avervi dato qualche spunto per una gita nella zona del Carmignano, alla prossima avventura!



Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy.
Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'.
In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.

MAGGIORI INFORMAZIONI

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close